12 Febbraio 2021

Bando pubblico per l'assegnazione di contributi economici per il pagamento dell'affitto

BANDO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL PAGAMENTO DELL’AFFITTO, IN ESECUZIONE DELLA DELIBERAZIONE REGIONALE N. 2031/2020 “FONDO REGIONALE PER L’ACCESSO ALL’ABITAZIONE IN LOCAZIONE DI CUI AGLI ARTT. 38 E 39 DELLA L.R . N. 24/2001 E SS.MM.II. - CRITERI DI GESTIONE DELL'ANNO 2021”.

1. FINALITÀ
Il fondo regionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione è finalizzato alla concessione di contributi integrativi ai conduttori per il pagamento dei canoni di locazione nel mercato privato.

2. REQUISITI
Possono presentare domanda i soggetti che, alla data della presentazione della domanda, siano in possesso dei requisiti sotto indicati.
Nell’ipotesi di persona incapace o comunque soggetta a amministrazione di sostegno, la domanda può essere presentata dal legale rappresentante o da persona abilitata ai sensi di legge.

A) Cittadinanza
A.1) Cittadinanza italiana oppure
A.2) Cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea oppure
A.3) Cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione europea per gli stranieri che siano muniti di permesso di soggiorno di durata non inferiore a un anno o permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.
In caso di permesso di soggiorno scaduto è ammissibile la domanda di contributo qualora sia stata presentata domanda di rinnovo. In tal caso dovrà essere allegata la ricevuta del pagamento effettuato.

B) Valore Isee ordinario o corrente per l’anno 2021 non superiore ad € 17.154,00 (graduatoria 1) oppure € 35.000,00 (graduatoria 2).
Nel caso non sia disponibile il valore ISEE 2021, è possibile fare domanda con l’ISEE dell’anno 2020

C) Titolarità di contratto per un alloggio ad uso abitativo
C.1) Titolarità di un contratto di locazione ad uso abitativo, per un alloggio sito nel Comune di Crevalcore (con esclusione delle categorie catastali A1, A8, A9), stipulato ai sensi dell’ordinamento vigente al momento della stipula e regolarmente registrato presso l’Agenzia delle Entrate.
In caso di contratto in corso di registrazione presso l’Agenzia delle Entrate saranno ammessi a contributo solo i contratti con la relativa imposta pagata.

C.2) Titolarità di un contratto d’assegnazione in godimento di un alloggio di proprietà di Cooperativa di abitazione, con esclusione della clausola della proprietà differita.
La sussistenza della predetta condizione deve essere certificata dal rappresentante legale della Cooperativa assegnante.
Si rammenta che l'art. 5 del D.P.R. n. 131/86 stabilisce un principio di alternatività tra l'IVA e l'Imposta di Registro. Pertanto in caso di alloggi assegnati in uso o godimento da Cooperative a proprietà indivisa oppure di alloggi dati in locazione da imprese non è necessario effettuare la registrazione del contratto ai fini della ammissione a contributo.

Casi di esclusione dal contributo
Sono causa di esclusione dal contributo le seguenti condizioni del nucleo familiare ISEE:

  • essere beneficiario per l’anno 2021 di un contributo per “l’emergenza abitativa” derivante dalle deliberazioni della Giunta Regionale n. 817/2012, 1709/2013 e n. 1221/2015 e n. 2365/2019;
  • essere beneficiario per l’anno 2021 di un contributo del Fondo per la “morosità incolpevole” di cui all’art. 6, comma 5, del D.L. 31/07/2013, n. 102 convertito con Legge del 28/10/2013, n. 124;
  • essere assegnatario, limitatamente alle domande per la graduatoria 1, al momento di presentazione della domanda, di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica;
  • essere beneficiario, al momento di presentazione della domanda, del reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza di cui al Decreto-Legge n. 4/2019 convertito con modificazioni dalla Legge n. 26/2019;

3. BENEFICIARI
Sono ammessi al contributo:

  1. nuclei familiari aventi ISEE compreso tra € 0,00 e € 17.154,00;
  2. nuclei familiari aventi ISEE compreso tra € 0,00 e € 35.000,00 che hanno subito perdita o diminuzione rilevante del reddito familiare causata dall’emergenza COVID-19.

Con riferimento esclusivamente al caso 2):
2.1) La perdita o diminuzione rilevante del reddito familiare è dovuta, a titolo esemplificativo e
non esaustivo, alle seguenti motivazioni:

a) cessazione o mancato rinnovo del rapporto di lavoro subordinato o atipico (ad esclusione delle risoluzioni consensuali o di quelle avvenute per raggiunti limiti di età);
b) cassa integrazione, sospensione o consistente riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 gg;
c) cessazione, sospensione o riduzione di attività libero professionale o di impresa registrata;
d) lavoratori o lavoratrici stagionali, senza contratti in essere ed in grado di documentare la prestazione lavorativa nel 2019;
e) malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare (anche dovuti a cause diverse dal Covid-19).
Eventuali ulteriori o diverse motivazioni devono essere espressamente riconducibili all’emergenza COVID-19.

2.2) Ai sensi di quanto previsto nel DM 12/08/ 2020, la riduzione del reddito familiare valutato nel trimestre marzo, aprile, maggio 2020 deve essere superiore al 20% nei confronti dei rispettivi tre mesi di marzo, aprile, maggio dell’anno 2019.
Il reddito familiare dei trimestri di cui sopra verrà calcolato considerando:

  • l’importo netto desunto dalle buste paga;
  • il fatturato complessivo.

La riduzione del reddito dovuta al Covid-19 deve essere debitamente documentata.

2.3) Ai sensi di quanto previsto nel DM 12/08/ 2020, per l’accesso al contributo, è necessario autocertificare che il nucleo familiare non possiede liquidità sufficiente per fare fronte al pagamento del canone di locazione e degli oneri accessori.

4. CANONE DI LOCAZIONE
Il canone di locazione da prendere come riferimento è quello annuale specificato nel contratto di locazione, comprensivo delle rivalutazioni ISTAT.
Sono escluse spese condominiali e accessorie.

5. FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA
Le domande ammesse, provenienti da tutti i Comuni del Distretto ovvero da una piattaforma che la Regione Emilia-Romagna sta predisponendo, saranno collocate in due graduatorie distrettuali distinte comprendenti:

  1. nuclei familiari con ISEE tra € 0,00 e € 17.154,00;
  2. nuclei familiari con ISEE tra € 0,00 e € 35.000,00, con calo di reddito a causa del Covid-19.

All’interno delle due graduatorie, le domande saranno collocate in ordine decrescente di incidenza del canone sul valore ISEE.
In caso di incidenza uguale (approssimata alla seconda cifra decimale), ha la precedenza la domanda con valore ISEE più basso.
In caso di domande con medesimo valore ISEE (compreso il caso di domande c0n valore ISEE 0,00), ha la precedenza la domanda con canone di locazione di importo più alto.

6. CONTRIBUTO
Il contributo massimo concedibile è pari a tre mensilità del canone per un importo massimo di € 1.500,00.
Di norma, il contributo è concesso all’inquilino.

Alle graduatorie saranno destinate le seguenti risorse complessive:

Graduatoria 1) – 40% delle risorse disponibili per il Distretto;
Graduatoria 2) – 60% delle risorse disponibili per il Distretto.

L’assegnazione del contributo avverrà scorrendo le due graduatorie, fino ad esaurimento della quota di fondi disponibili.
Nel caso in cui le risorse disponibili siano in eccesso rispetto al fabbisogno della graduatoria, la quota residua sarà immediatamente utilizzata per l’altra graduatoria distrettuale.

7. INFORMAZIONI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda di partecipazione potrà essere presentata dal 12/02/2021 al 19/03/2021:

a) in forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, su modulo predisposto e disponibile nei siti istituzionali dei Comuni o presso gli URP o gli uffici preposti.

b)presso un’apposita piattaforma regionale attivata dalla Regione, unicamente con accesso tramite SPID. La piattaforma regionale sarà operativa da giovedì 18 febbraio 2021 a venerdì 19 marzo 2021 e sarà disponibile e raggiungibile dalla pagina: https://territorio.regione.emilia-romagna.it/politiche-abitative

Opzione a). La domanda dovrà essere presentata al Comune di residenza solo attraverso una delle seguenti modalità:

  • consegna a mano, direttamente all’URP o all’ufficio competente secondo lo schema sotto riportato;
  • tramite servizio postale, con raccomandata A/R. In questo caso la domanda dovrà essere già sottoscritta, con allegato una fotocopia del documento di identità valido del richiedente. Non farà fede la data del timbro postale, ma soltanto la data e l’ora di acquisizione al protocollo generale del proprio Comune di residenza;
  • per Posta Elettronica Certificata (PEC) agli indirizzi sotto riportati. La domanda dovrà essere già sottoscritta, con allegato una fotocopia del documento di identità valido del richiedente.

Comune di Crevalcore, sportello casa, via Persicetana, 226 (c/o Servizi Sociali)
il venerdì mattina, solo previo appuntamento telefonico al 051-6878107 (ASP Seneca)
PEC: asp-seneca@cert.provincia.bo.it

N.B: la domanda deve sempre essere corredata da documento di identità, salvo invio da propria PEC con firma digitale.

Nel caso in cui l’invio sia effettuato tramite una PEC di cui il richiedente non sia intestatario, è necessario allegare anche una delega, firmata dal soggetto richiedente, all’invio della domanda da parte del soggetto intestatario della PEC.
La domanda può essere presentata da un componente il nucleo ISEE maggiorenne anche non intestatario del contratto di locazione, purché residente o avente dimora nell’alloggio oggetto del contratto di locazione stesso.
È ammessa la presentazione di una sola domanda per nucleo familiare. Nel caso di più contratti stipulati nel corso dell’anno, può essere presentata una sola domanda.
Nel caso di una medesima unità immobiliare utilizzata da più nuclei familiari, ciascun nucleo ISEE può presentare domanda di contributo separatamente per la propria porzione di alloggio o per la propria quota di canone.
E’ possibile presentare domanda solo per una delle due graduatorie di cui al precedente paragrafo “Formazione della graduatoria”.
Alla domanda dovrà essere obbligatoriamente allegata la seguente documentazione:

  • fotocopia di un documento d’identità del richiedente in corso di validità;
  • fotocopia del contratto di locazione riportante gli estremi della registrazione presso l’Agenzia delle Entrate, oppure copia di ricevuta dell’avvenuto pagamento dell’imposta di registro;
  • fotocopia dell’ultima ricevuta o bonifico bancario di pagamento del canone di locazione per l’anno 2021 (documento comprovante il pagamento dell’affitto escluse pertanto spese condominiali e altri oneri) o, nel caso di alloggi di proprietà di Cooperativa indivisa, certificazione riportante l’importo della “corrisposta di godimento” per l’anno 2021;
  • solo per i cittadini non comunitari, fotocopia del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o permesso di soggiorno non inferiore a un anno in corso di validità, oppure copia della ricevuta del pagamento effettuato;
  • documentazione da cui risulti il codice IBAN del conto corrente del richiedente. Chi non è titolare di Conto Corrente Bancario o Postale può richiedere, presso gli istituti di credito o gli uffici postali, una carta prepagata nominativa intestata al richiedente, con codice IBAN, ove sarà possibile versare il contributo;
  • solo per graduatoria 2, documentazione attestante il reddito del nucleo familiare nei mesi di marzo, aprile, maggio 2019 e 2020 (es: buste paga, certificazioni datore di lavoro, fatture ecc.)

8. CONTROLLI
Il richiedente dichiara di essere a conoscenza che potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite ai sensi degli articoli 46, 47, 71 e 72 del D.P.R. n. 445/00.
Ai sensi della Legge n. 241/1990 e s.m.i, in sede d’istruttoria, il Comune può chiedere il rilascio o la rettifica di dichiarazioni o istanze erronee o incomplete e può esperire accertamenti tecnici ed ispezioni ed ordinare esibizioni documentali atte a dimostrare la completezza, la veridicità e la congruità dei dati dichiarati, oltreché finalizzate alla correzione di errori materiali o di modesta entità. L’attestazione ISEE rilasciata dall’INPS ai sensi del D.P.C.M. n. 159/2013 e s.m.i., contenente i dati reddituali, patrimoniali mobiliari ed immobiliari del nucleo familiare richiedente, ha valenza di certificazione di veridicità, in quanto dati in possesso del sistema informativo del Ministero delle Finanze.
Il richiedente dichiara altresì di essere consapevole delle responsabilità penali che assume ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. n. 445/00 per la falsità negli atti, per dichiarazioni mendaci e per uso di atti falsi.

Ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n. 2031/2020:

  • nel caso di domande che presentano un valore ISEE molto inferiore al canone annuo, il Comune, prima della erogazione del contributo, accerta che i servizi sociali comunali sono a conoscenza dello stato di grave disagio economico-sociale del nucleo familiare;
  • nel caso di domande che presentano un valore ISEE molto inferiore al canone annuo in seguito a situazioni di difficoltà di carattere temporaneo (diminuzione del reddito in seguito a perdita del lavoro, ecc.), il Comune, dopo un accertamento delle effettive condizioni economiche, può erogare il contributo anche se il nucleo familiare non è conosciuto dai Servizi sociali.

A seguito delle verifiche effettuate le domande possono essere escluse dal contributo.

9. TRATTAMENTO DEI DATI E INFORMATIVA
Tutti i dati di cui l’Unione Terred’acqua e i 6 Comuni dell’ambito distrettuale verranno in possesso a seguito del presente Bando Pubblico, saranno trattati nel rispetto della vigente normativa, D.Lgs.n. 196/2003 e s.m.i. nonché del GDPR Regolamento UE 2016/679 e del D.Lgs. 101/2018, recante le disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento UE 2016/679, anche con l’ausilio di mezzi informatici, limitatamente e per gli scopi necessari alla procedura oggetto dell’avviso.
Il soggetto richiedente esprime nella domanda il proprio consenso scritto al trattamento dei dati personali, compresi quelli sensibili, ai sensi del Regolamento UE GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati) n. 679/2016 – D.Lgs. n. 101/2018.
Titolare del trattamento dei dati è l’Unione Terred’acqua con sede in Corso Italia 70 – San Giovanni in Persiceto (BO) al quale rivolgersi per l’esercizio dei diritti dell’interessato scrivendo all’indirizzo mail: info@terredacqua.net.
L’Unione Terred’acqua ha nominato ai sensi dell’art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679 il Responsabile della Protezione dei Dati Personali che potrà essere contattato, anche per l’esercizio dei diritti degli interessati, all’indirizzo email: dpo@terredacqua.net o via posta all’indirizzo DPO C/O “Unione Terred’acqua, Corso Italia 70 – San Giovanni in Persiceto (BO)”.
Si precisa che le informazioni specifiche sul trattamento dei dati sono riportate nella “INFORMATIVA” SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (allegato a cui si rimanda)

10. CONTROVERSIE E FORO COMPETENTE
Si precisa che l’Unione Terred’Acqua e i Comuni del territorio distrettuale non si assumono alcuna responsabilità per la dispersione delle domande, della documentazione e delle comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni fornite dal richiedente né per eventuali disguidi imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
Per le eventuali controversie che si dovessero verificare si elegge quale foro competente quello di Bologna.
Per informazioni e delucidazioni inerenti il presente Bando pubblico è possibile rivolgersi ai propri Comuni di residenza, in particolare agli Sportelli Sociali e/o ai Servizi sociali (i relativi recapiti sono riportati di seguito e/o sono in ogni caso reperibili sui siti istituzionali dei 6 Comuni):

Comune di Anzola dell’Emilia: tel. 051/6502125; e-mail: servsociali@comune.anzoladellemilia.bo.it
Comune di Calderara di Reno: tel. 051/6461238; e-mail: andrea.viliotti@comune.calderaradireno.bo.it
Comune di Crevalcore: tel. 051-6878107, e-mail:politicheabitative@asp-seneca.it
Comune di Sala Bolognese: tel. 051/6878107; e-mail: politicheabitative@asp-seneca.it
Comune di San Giovanni in Persiceto: tel. 800.069678; e-mail: servizisociali@comunepersiceto.it
Comune di Sant’Agata Bolognese: tel. 051/6818956 oppure 051/6818941; e-mail: servizisociali@comune.santagatabolognese.bo.it

In allegato il modulo di domanda e il bando.
 

Allegati
Titolo Estensione Dimensione Download link
Avviso pubblico pdf 4.52 MB Scarica
Modulo di domanda pdf 4.72 MB Scarica

Aree Tematiche: 

Ufficio Casa