Teatro Comunale Temporaneamente inagibile causa sisma

Crevalcore, come i vicini comuni di San Giovanni in Persiceto e Sant’Agata Bolognese, possiede un interessantissimo teatro storico. 
La storia di questo teatro, progettato da Giacomo Monari, allievo di Ferdinando Galli Bibiena, è legata all’attività dell’Accademia degli Indifferenti Risoluti (1648).
Decaduto il vecchio teatro, nel 1874 ne fu realizzato uno nuovo. La decorazione fu affidata al crevalcorese Gaetano Lodi, abile ornatista di corte dei Savoia, che aveva raggiunto fama internazionale con le decorazioni del foyer dell’Opera a Parigi e nel palazzo del Kedivé al Cairo. 
Per la decorazione interna, tuttora esistente, il Lodi concepì una rutilante composizione floreale in stile orientaleggiante che avvolge l’intero teatro e raggiunge il massimo risultato nello soffitto e nella volta della sala. 
Il sipario, concepito come un antico arazzo, rappresenta Marcello Malpighi alla corte del Granduca Ferdinando II di Toscana.
Il teatro fu inaugurato il 3 settembre 1881 con Il Trovatore di Verdi.
Dal 1906, con l’avvento dei socialisti alla guida del paese, il teatro accolse manifestazioni a sfondo politico e sociale, che provocarono le invettive dei proprietari dei palchi. 
Durante la seconda guerra mondiale, i Tedeschi lo trasformarono in ospedale da campo.
Oggi ospita una ricca stagione teatrale ed è disponibile per eventi.

Indirizzo:

Temporaneamente inagibile causa sisma

Via Matteotti, 106
40014 Crevalcore (BO)
Telefono:  051 981891 (attualmente inattivo)

Indirizzo per informazioni:

Area dei Servizi Culturali Paolo Borsellino
Via Caduti di via Fani 302 - 40014 Crevalcore (BO)
Telefono:  051 988558

Email: prosa@comune.crevalcore.bo.it