Museo della Pace "Guido Mattioli"

Il Museo della Pace Guido Mattioli, la cui nuova sede è stata inaugurata sabato 4 novembre 2017  presso il Centro Melò in Via Candia, 385/a, è stato aperto nel 1988 ed è nato da una raccolta di oggetti rinvenuti dal crevalcorese Guido Mattioli sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale, in particolare sul Carso, tra il 1959 e il 1969. I reperti rinvenuti, in seguito donati al Comune di Crevalcore, non rappresentano la comune raccolta sistematica di un appassionato di cimeli ma sono il frutto di una ricerca decennale effettuata da Mattioli in uno dei teatri più cruenti della Grande Guerra,  al fine di recuperare i resti dei combattenti e di dare loro degna sepoltura.  Questi oggetti raccontano anche la vita quotidiana dei soldati con fotografie, lettere, altri oggetti personali, oltre all'equipaggiamento e all'armamento personale. Il Museo è l’unico nella Regione Emilia-Romagna dedicato interamente alla Grande Guerra. Una parte significativa dell'esposizione, poi, è dedicata ai caduti crevalcoresi.
Il nuovo allestimento, il cui progetto scientifico e tecnico è stato affidato al Museo Archeologico Ambientale di San Giovanni in Persiceto, è stato possibile anche grazie ad un cofinanziamento della Regione Emilia-Romagna (L.R. 18/00). I reperti esposti sono stati oggetto anche di una nuova selezione e catalogazione.

Indirizzo: 
via Candia 385/A (centro Musicale Melò)
40014 Crevalcore (BO)

Indirizzo per informazioni: 
c/o Area dei Servizi Culturali Paolo Borsellino

viale Caduti di via Fani, 302
40014 Crevalcore (BO)
Telefono:  051 988558 - 59


Ingresso gratuito
Per prenotare una visita guidata, telefonare al numero 051/6871757 (Museo Archeologico Ambientale)

Al momento il Museo è chiuso in rispetto delle normative contro il coronavirus, ma se vuoi fare una visita virtuale clicca qui