TASI - Tributo sui servizi indivisibili

A decorrere dal 1/1/2014 la legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014) ha istituito l'imposta unica comunale (IUC) che si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a coprire i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti.

Presupposto impositivo della Tasi, come definito dalla legge 147/2013, è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati, ivi compresa l'abitazione principale, e di aree edificabili, come definiti ai sensi dell'imposta municipale propria, ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agricoli.

La base imponibile della TASI è la stessa prevista per l'applicazione dell' IMU.

 

ATTENZIONE – NOVITA’ DAL 2016 e confermata anche per il 2019

Modifica del presupposto impositivo 2016 ad opera della Legge di Stabilità 2016 art. 1 c. 14 che dispone l’ESCLUSIONE della TASI per l’abitazione principale (se non classificata nelle categorie catastali A1, A/8 e A/9) e le relative pertinenze (limitatamente ad una per ognuna delle seguenti categorie catastali C/2 – C/6 – C/7)

nonché per le fattispecie ad essa assimilate che di seguito si riportano per maggiore chiarezza:

- l’unità immobiliare e relative pertinenze posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata;

- l’unità immobiliare posseduta in Italia a titolo di proprietà o di usufrutto dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e già pensionati nel paese estero di residenza e a condizione che la stessa non risulti locata o data in comodato d’uso.


Il Comune di Crevalcore con atto di Consiglio Comunale n. 24 del 22/05/2014 ha approvato il regolamento per la disciplina della TASI, poi modificato per il 2016 nelle parti non più conformi al dettato normativo, in particolare per quanto attiene alla esclusione della tassazione dell’abitazione principale se classificata in categorie catastali diverse dalle A1, A/8 e A/9 e relative pertinenze una per ciascuna categoria catastale C/2, C/6 e C/7 (l’eventuale ulteriore pertinenza dovrà essere assoggettata a IMU) – atto del Consiglio Comunale n. 19 del 28/04/2016, esecutiva e pubblicata sul sito del Ministero delle Finanze in data 23/05/2016.


N.B. La definizione di abitazione principale è la stessa che vige per l' IMU, quindi si considera tale l' abitazione dove il possessore e il suo nucleo famigliare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente, salvo le deroghe di legge, come per gli alloggi dei militari.

 

ESENZIONE INAGIBILI POST SISMA 2012

Si ricorda che con decreto legge 6 giugno 2012, n.74, modificato con legge 1° agosto 2012, n. 122, è stata disposta - per i fabbricati oggetto di ordinanze sindacali di sgombero, in quanto inagibili totalmente o parzialmente - l’esenzione IMU/TASI fino alla definitiva ricostruzione e agibilità dei fabbricati stessi e comunque non oltre il 31 dicembre 2019 ai sensi dell’art.1 c. 985 della Legge n. 145 del 30/12/2018 (legge di Bilancio 2019).

Si ricorda inoltre che per gli immobili adibiti ad Abitazione principale e/o fattispecie ad essa assimilate (se non classificate nelle categorie catastali A/1,A/8 e A/9) e le relative pertinenze (limitatamente ad una per ognuna delle seguenti categorie catastali C/2 – C/6 – C/7), resi agibili definitivamente, occorre presentare la dichiarazione TASI entro il 30 giugno dell’anno successivo alla rinnovata agibilità.

 

NORMATIVA:

- Legge 27 dicembre 2013 n.147 di Stabilità 2014 – successivamente modificata da DL 16/2014 conv.in legge n.68/2014;

- Regolamento per l'applicazione TASI – Tributo comunale sui servizi indivisibili approvato con delibera del Consiglio Comunale n.24 del 22/05/2014, e modificato a far tempo dal 2016 nelle parti non più conformi alla normativa ed in particolare per quanto riguarda il presupposto impositivo e la conseguente esclusione dalla tassazione TASI dell’abitazione principale se classificata in categorie catastali diverse dalle A/1, A/8 e A/9 e delle relative pertinenze. (Delibera C.C.n.19 del 28/04/2016, esecutiva e pubblicata sul Portale del Federalismo Fiscale presso il Ministero delle Finanze il 23/05/2016);

- Delibera aliquote e detrazioni adottata annualmente entro i termini di approvazione del Bilancio di previsione.

 

MODULISTICA:

- Modello di Dichiarazione TASI

- Istruzioni Dichiarazione IMU/TASI

- Richiesta di rimborso tributi comunali e modalità di accredito

- Guida TASI