TARI - Tassa Rifiuti

A decorrere dal 1/1/2014 la legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014) ha istituito l'imposta unica comunale (IUC) che si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, del tributo per i servizi indivisibili (TASI), e della tassa sui rifiuti (TARI), destinata a coprire i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti.

Quest’ultima si intende sostitutiva della TARES 2013 e ancor prima della TARSU fino al 2012 ed è quindi dovuta da chiunque occupi locali, a qualsiasi uso destinati (abitativo, commerciale o produttivo) posti nel territorio comunale e per i quali viene svolto il servizio di raccolta dei rifiuti.

La quantificazione della tassa dipende dalla destinazione dei locali e si applica in base alla superficie occupata calcolata al netto dei muri.

Per ciascuna tipologia di locali è prevista una tariffa deliberata annualmente dai competenti organi comunali.

La tassa è dovuta anche se i locali sono privi di arredo o non vengono utilizzati purchè risultino predisposti all'uso, cioè dotati di allacciamento alle utenze acqua e/o energia elettrica.

Al momento dell'occupazione dei locali, occorre presentare la denuncia TARI. Normalmente questa viene predisposta dall'ufficio URP al momento del cambio di residenza anagrafico. Oltre ai dati anagrafici e all'ubicazione dei locali occupati occorre presentare la planimetria dei locali occupati, il contratto d'affitto e/o atto d'acquisto da dove desumere i relativi estremi catastali, occorre poi il codice fiscale dell'intestatario del tributo.

Al momento della dichiarazione di occupazione occorre presentare la planimetria dei locali occupati, il contratto d'affitto e/o atto d'acquisto da dove desumere i relativi estremi catastali, occorre poi il codice fiscale dell'intestatario del tributo;

La denuncia deve essere presentata entro e non oltre il 31 marzo dell'anno successivo e ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le condizioni di tassabilità rimangano invariate. In caso contrario l'utente è tenuto a denunciare ogni variazione relativa ai locali, alla loro superficie e destinazione d'uso. Tutte le variazioni decorrono dal giorno nel quale le stesse si verificano e danno diritto al ricalcolo della tassa annuale qualora ricorra il caso.

Qualora i locali - sia ad uso abitativo che produttivo - siano concessi in locazione a soggetti non residenti o non aventi la sede legale nel comune di Crevalcore, la tassa viene di norma intestata al proprietario con diritto di rivalsa sull'inquilino. In alternativa è possibile l’intestazione al locatario dietro sua specifica richiesta.

 

In base al vigente regolamento TARI sono previste riduzioni per:

- Unico occupante (- 30%)

- Abitazioni secondarie e/o a disposizione, comunque non locate (-30%);

- Abitazioni rurali occupate da coltivatore diretto e/o agricoltore professionale IAP,iscritto alla previdenza agricola ex SCAU ora INPS (-15%)

- Abitazioni poste nel territorio forese (individuabile sulla base di apposito stradario compilato a cura del gestore del servizio Geovest) che provvedono a smaltire i rifiuti organici mediante compostaggio domestico (-10%)

- Abitazioni a disposizione di soggetti residenti all’estero AIRE (-30%)

Le domande di riduzione vanno presentate all'ufficio tributi entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello in cui si è verificata la condizione, tranne per quella "unici occupanti" per la quale si provvede d'ufficio in base alle risultanze anagrafiche al 1° gennaio dell'anno d'imposizione.

 

CANCELLAZIONI

La cancellazione della tassa decorre dal giorno in cui viene data comunicazione all'ufficio tributi mediante presentazione, anche via e-mail, di apposita denuncia.

E’ possibile considerare una data diversa da quella di presentazione, sulla base di particolari motivazioni debitamente documentate da parte del contribuente (esempio: copia del documento attestante lo stacco delle utenze acqua e/o luce, o altri documenti che possano dimostrare l’effettiva cessata occupazione dei locali).

 

Il pagamento della tassa avviene mediante invio al contribuente da parte del Comune di apposito avviso di pagamento dal quale risulta:

- l'ammontare della tassa

- la metratura e l'ubicazione e la categoria d'uso dei locali;

detto avviso è pagabile in base alle rate stabilite, mediante l'utilizzo delle deleghe F24 precompilate e allegate all'avviso stesso.

In caso di mancato pagamento è previsto l’invio di un sollecito/accertamento mediante raccomandata A/R a seguito del quale, se il pagamento non viene comunque effettuato, si procede con il recupero coattivo senza ulteriori avvisi.

 

NORMATIVA:

- Legge 27 dicembre 2013, n.147 Stabilità 2014 - art.1 comma 639 e succ.;

- Regolamento comunale TARI – approvato con delibera del C.C.n.23 del 22/05/2014, immediatamente esecutiva (pubblicazione sito MEF in data 23/05/2014);

- Delibera tariffe e detrazioni adottata annualmente entro i termini di approvazione del Bilancio di previsione.

 

MODULISTICA:

- Modello denucia iscrizione/variazione TARI

Modello per richiesta cancellazione tassa rifiuti

- Richiesta di rimborso tributi comunali e modalità di accredito